"Scegliendo l'acciaio weathering COR-TEN® e verniciandolo, si ottiene una costruzione estremamente duratura"

La stazione ferroviaria di Hashalom a Tel Aviv, Israele, è la stazione ferroviaria più trafficata del Paese e presenta un design inconfondibile: un tetto a forma di tappeto volante realizzato in acciaio e vetro. Per costruirlo, il rinomato architetto Eri Goshen ha scelto di utilizzare l'acciaio weathering COR-TEN® di SSAB combinandolo a un rivestimento di vernice.

Il suo ragionamento è stato semplice. "In qualità di architetto, progetto edifici che durino 100 anni. Scegliendo l'acciaio weathering COR-TEN® e verniciandolo, si ottiene una costruzione estremamente duratura che non necessita di manutenzione."

Semplice ma eccezionale

Ogni giorno, centinaia di migliaia di persone a Tel Aviv passano davanti a uno degli edifici moderni più iconici di Israele, la stazione ferroviaria di Hashalom. Il tetto ondulato, sopra l'atrio nord della stazione, è stato completato nel 1996. L'ingegnere strutturale per il progetto è stato Z. Zechut e i lavori in acciaio (materiali) sono stati eseguiti da M.S. Malma. Ora, a circa 25 anni di distanza, la seconda parte sud è in fase di costruzione. Per garantire lo stesso look e la manutenzione praticamente nulla del tetto dell'atrio nord, l'architetto Eri Goshen ha scelto di usare l'acciaio weathering COR-TEN® di SSAB.

Una volta completati, i tetti creeranno un tappeto di acciaio e vetro lungo 250 metri che aleggerà sulla ferrovia e sull'autostrada, portando i viaggiatori che passeranno di lì in un viaggio.

"L'idea dell'atrio è semplice ma eccezionale," spiega l'architetto Eri Goshen. "In realtà è un edificio piuttosto piccolo rispetto alla sua importanza e quando si passa con un'auto in orizzontale, crea un'onda in movimento, come un edificio volante. Una delle cose di cui vado più fiero è che quando la gente ne parla, usa le mani per descriverne la forma. È davvero semplice e memorabile."

Resistenza alla corrosione migliorata

Il tetto è sostenuto da otto tiranti, che sono sostenuti da quattro montanti. Sia i montanti che il tetto sono realizzati in profilato cavo strutturale COR-TEN® B Tube verniciato per una durata maggiore.

COR-TEN® sta per "CORrosione" atmosferica e acciaio "TENsile" ad alta resistenza. Si tratta infatti di un acciaio a bassa lega ad alta resistenza, che diventa resistente agli agenti atmosferici grazie alla formazione di uno strato protettivo sulla superficie, chiamato patina. L'acciaio weathering COR-TEN®, come parte della gamma di prodotti di acciaio SSAB Weathering, trova applicazione in facciate di edifici, strutture in acciaio, ponti, molte applicazioni nell'industria ferroviaria e pali per la rete elettrica.

Una verniciatura che resiste

Goshen ha scelto i profilati cavi strutturali COR-TEN® B Tube e il rivestimento di vernice per due motivi principali: bassa manutenzione e risparmi in termini di costi.

"Il tetto consiste di circa 15.000 pezzi. Ciò significa che tenere in considerazione l'aspetto della manutenzione è stato molto importante nella progettazione dell'edificio. Di norma, sarebbe opportuno verniciare una struttura come questa ogni 7-8 anni per prevenire la corrosione e mantenere inalterato il look dell'edificio", spiega Goshen.

Verniciando l'acciaio weathering, la corrosione non penetra nello strato di verniciatura. Oltre all'aumento della durata di vita utile dei tetti, ciò impedisce anche che le macchie di colore gocciolino, cosa che sarebbe inaccettabile in una stazione ferroviaria perfettamente funzionante e in un'autostrada molto trafficata.

"Utilizzare l'acciaio normale significherebbe che la stazione dovrebbe chiudere per interventi di manutenzione a intervalli regolari", spiega Goshen. Ciò non sarebbe possibile in una stazione ferroviaria così trafficata."

Inoltre, poiché l'acciaio weathering COR-TEN® non deve essere verniciato così spesso come altri acciai, ha un impatto ambientale ridotto rispetto agli acciai convenzionali. L'acciaio è inoltre riciclabile al 100%. L'acciaio weathering COR-TEN® è disponibile in una vasta gamma di forme di prodotti, come lamiere pesanti, lamiere da coils laminate a freddo e a caldo, tubi e profilati, con snervamenti minimi da 345 a 960 MPa.

Autogenerazione

Goshen sottolinea che un altro vantaggio dell'utilizzo dell'acciaio weathering avviene quando si verificano graffi sulla verniciatura.

"La struttura del tetto è davvero flessibile e si muove continuamente. Ciò significa che le saldature si muovono e, inevitabilmente, la vernice presenta delle crepe. Tuttavia, con l'acciaio weathering COR-TEN® ciò non provoca danni di corrosione a lungo termine. Qualsiasi crepa si rigenera autonomamente."

Una patina protettiva si forma sulla superficie di acciaio in presenza di graffi o crepe sullo strato di vernice. Questo strato protettivo sigilla l'area danneggiata e impedisce che la corrosione penetri sotto la vernice. Questa migliore resistenza alla corrosione riduce drasticamente gli intervalli di manutenzione e di riverniciatura.

Inoltre, la ruggine porosa in espansione non costituisce un problema nelle strutture in acciaio weathering COR-TEN® a differenza dell'acciaio al carbonio tradizionale. Questi fattori significano che la durata utile della vernice sull'acciaio weathering è doppia rispetto a quella dell’acciaio convenzionale.

"L'uso dell'acciaio weathering COR-TEN® è stato un elemento chiave per garantire il successo del tetto della stazione ferroviaria", afferma Goshen. "Per la vernice, abbiamo addirittura scelto di usare un colore bianco sporco, il colore  della polvere. Il risultato è che, in 25 anni, l'atrio nord non è mai stato pulito, e ci aspettiamo lo stesso per il nuovo atrio sud."

Stazione ferroviaria Hashalom
Stazione ferroviaria Hashalom
Il tetto consiste di circa 15.000 pezzi. Ciò significa che tenere in considerazione l'aspetto della manutenzione è stato molto importante nella progettazione dell'edificio.
Professore di architettura Eri Goshen

"Utilizzare l'acciaio normale significherebbe che la stazione dovrebbe chiudere per interventi di manutenzione a intervalli regolari. Ciò non sarebbe possibile in una stazione ferroviaria così trafficata"

Architetto Eri Goshen

180