180
Automotive insights Il futuro della profilatura è 3D - una tecnica innovativa che non vede limiti nella resistenza.



IL FUTURO DELLA PROFILATURA È 3D

Una tecnica innovativa che non vede limiti nella resistenza.

Nel 2001, una piccola azienda svedese ha lanciato la prima tecnologia di profilatura 3D al mondo, dettando nuovi standard per l'innovazione nell'industria automobilistica.

Ortic sviluppa macchine e tecnologie per la profilatura di lamiere di acciaio da oltre 30 anni. Circa 15 anni fa, dopo essersi affermata soprattutto per la profilatura 2D, la società ha riconosciuto le opportunità offerte dalle qualità sempre più resistenti di acciaio. Ha sviluppato quindi la nuova tecnologia, oggi definita profilatura 3D, che si presta particolarmente bene all'industria automobilistica.

2D vs. 3D

Con la profilatura tradizionale (2D), la lamiera in metallo passa attraverso una serie di gabbie di laminazione che successivamente modificherà le lamiere piatte nella forma finale desiderata. La forma del profilo è la stessa per tutta la sua lunghezza. Con la nuova tecnologia di profilatura dinamica avanzata (3D), la lamiera in ingresso passa attraverso numerose gabbie di laminazione mobili controllate singolarmente tramite computer che permettono al profilo finito di variare lungo la sua lunghezza. Consentendo la curvatura del profilo lungo la sua lunghezza durante la profilatura, oggi le possibilità di ottenere nuovi componenti automobilistici ottimizzati sono maggiori rispetto al passato.

Un metodo importante per l'industria automobilistica

Una delle ragioni dell'importanza di questo metodo per le case automobilistiche è che i macchinari come quelli di Ortic sono progettati per essere utilizzati con acciaio per formatura a freddo con livelli di resistenza molto elevati. Infatti, maggiore è la resistenza dell'acciaio, più il materiale è adatto alla formatura. Attualmente Ortic ha eseguito la profilatura 3D con Docol® 1500 di SSAB, a 1,5 mm, con risultati eccellenti.

Secondo Johan Eriksson, CEO di Ortic, "per noi la resistenza non è un limite e non vedo l'ora di avere a disposizione materiali ancora più resistenti per la nostra profilatrice 3D". Uno dei vantaggi nell'utilizzo dell'acciaio altoresistenziale per la profilatura 3D è che le proprietà del materiale sono più equilibrate, il che consente di avere sempre lo stesso risultato, con un solo passaggio. La profilatura 3D è un'alternativa ai più comuni metodi di stampaggio-formatura a caldo o freddo, ed è più flessibile e conveniente.

Un altro vantaggio è che il processo è eco-compatibile: infatti il materiale è formato in condizioni di freddo senza la necessità di attrezzi nuovi per ogni profilo. Poiché l'industria automobilistica continua a utilizzare materiali più resistenti per ridurre il peso dei componenti, il rullo della profilatura 3D diventerà sempre più importante.


GUARDA DOCOL® NELLE APPLICAZIONI

Iscriviti ad Automotive Insights, la nostra newsletter mensile gratuita, e riceverai articoli e approfondimenti su questioni che possono interessare la tua azienda.

Inviando questo modulo accetti la nostra informativa sulla privacy.