180
Automotive insights L'acciaio Docol di terza generazione ha contribuito a raggiungere l'efficienza produttiva
Docol® - L'acciaio per l'industria automobilistica

STAMPAGGIO OTTIMIZZATO

– Come l'acciaio Docol di terza generazione ha contribuito a raggiungere l'efficienza produttiva

Le prove dell'acciaio di terza generazione Docol sono ormai a buon punto e le sue proprietà di resistenza e duttilità si stanno dimostrando utili nell'industria automobilistica. Ecco uno sguardo più ravvicinato a un'implementazione di successo dell'acciaio di terza generazione Docol, che ha portato a un basso tasso di scarti e a una produzione ottimizzata nella linea di stampaggio.

Nel 2018, un noto produttore per l'industria automobilistica stava lavorando su due pezzi specifici che sarebbero stati utilizzati in diversi modelli per un OEM. Il progetto prevedeva l'utilizzo di collegamenti verticali stampati che dovevano avere un peso contenuto - cosa che l'azienda poteva ottenere utilizzando una qualità di acciaio più resistente. Tuttavia, così facendo, si sarebbe presentato un ostacolo.

Caso Docol di terza generazione

Rischio di crepe e scarti

Le flange lunghe del progetto, unite a un materiale ad alta resistenza, avrebbero aumentato il rischio di crepe durante la produzione; inoltre, l'azienda voleva garantire il più basso tasso di scarti possibile. Pertanto, è iniziata la ricerca di un materiale con elevata formabilità e proprietà uniformi che potesse garantire la produttività, soddisfare le specifiche dell'OEM e soddisfare gli obiettivi di costo. Un basso tasso di scarti sarebbe stato in linea anche con l'attenzione dell'azienda alla sostenibilità, in quanto l'uso di meno materiale si traduce in una riduzione dell'impatto ambientale.

Passaggio all'acciaio di terza generazione

Il produttore si è rivolto al team SSAB in ragione della presenza di esperti in formatura e metallurgia con acciai per l’industria automobilistica. I dettagli sono stati realizzati in una pressa AIDA con una potenza nominale di 10000 e/o 12500 KN, mentre l'attrezzatura era in acciaio temprato K340 con trattamento superficiale PVD. Gli spessori delle applicazioni erano di 1,5 mm e 2,2 mm. Si è deciso di effettuare una prova con il nuovo Docol 600DH-GI, un cosiddetto acciaio di terza generazione.

Successo di produzione

Il nome esatto della qualità di acciaio scelto è Docol CR330Y590T-DH-GI, un materiale che offre elevate prestazioni per pezzi con bordi stirati, evitando rotture. In questo caso ha soddisfatto anche lo standard dell'OEM. La prova è andata molto bene e il tasso di scarti è arrivato quasi allo 0% grazie a un comportamento omogeneo da bobina a bobina, assicurando una produzione ottimizzata nella linea di stampaggio.

"Il team di sviluppo del prodotto SSAB si è spinto al limite per produrre Docol 600DH-GI. La nuova qualità ha un FLD più alto rispetto all'acciaio DP ordinario e offre prestazioni migliori in termini di deformazione piana. Inoltre, le prestazioni di espansione dei fori sono migliori per la qualità DH", dichiara Matti Säily, Product Manager per i prodotti rivestiti in metallo di SSAB. "Siamo molto soddisfatti del risultato: è un buon esempio di come possiamo contribuire a garantire una produzione impeccabile con acciai avanzati ad alta resistenza".

Stretta collaborazione

I risultati ottenuti in questo processo di prova esemplificano alla perfezione perché una stretta collaborazione e un supporto tempestivo in fase di progettazione possono aumentare l'efficienza. Ciò dimostra che i clienti e i fornitori che uniscono le forze e condividono le competenze possono soddisfare e superare le richieste dell'industria automobilistica.

MAGGIORI INFORMAZIONI E PROVE
Iscriviti ad Automotive Insights, la nostra newsletter mensile gratuita, e riceverai articoli e approfondimenti su questioni che possono interessare la tua azienda.

Inviando questo modulo accetti la nostra informativa sulla privacy.