180

SSAB e Scania realizzano un nuovo tipo di cassone ribaltabile

In collaborazione con Scania, SSAB ha creato un innovativo concetto di progettazione, unico nel suo genere, rivolto al mercato minerario.

Prendi la forza dell'acciaio Hardox® di SSAB, applica un nuovo concetto di progettazione unico nel suo genere, brevettalo e costruisci un cassone ribaltabile leggero, tenace e pratico, utilizzabile in un range di temperature che spazia da -50°C durante l'inverno a +40° C in estate.

È esattamente quello che ha fatto SSAB quando, in collaborazione con Scania, costruttore di autocarri, ha sviluppato un cassone ribaltabile davvero unico, ideale in applicazioni come le miniere di carbone, montato su un autocarro Scania. Il veicolo è stato presentato alla Bauma China 2012, tenutasi a Shanghai dal 27 al 30 novembre 2012.

"Il cassone ribaltabile utilizza ciò che noi chiamiamo SSAB Arc Design, una tecnologia brevettata da SSAB", dichiara Jonas Gozzi, SSAB R&D Center Manager. Arc Design offre un peso leggero simile a un cassone ribaltabile half-pipe, ma con dei vantaggi significativi.

"Il cassone ribaltabile verrà utilizzato nelle miniere di carbone in Mongolia, dove d'inverno la temperatura può arrivare fino a -50°C", afferma Gozzi. "In condizioni simili, il carico può facilmente congelarsi e incollarsi al cassone. Per evitarlo, sfruttiamo i gas di scarico caldi del motore per riscaldare il fondo del cassone ribaltabile, cosa impossibile con un design halfpipe".

Grazie alla forma convessa, SSAB Arc Design migliora anche i cassoni a box dei ribaltabili tradizionali, ma non richiede elementi di irrigidimento collegati al pianale. L'utilizzo di Hardox 450 si traduce anche in una lunga durata utile.

"È una soluzione in cui crediamo molto, anche se non abbiamo avuto modo di testarla più di tanto", afferma Gozzi. "Ecco perché siamo stati molto felici di avere la possibilità di collaborare con Scania alla creazione di questo prototipo".

La progettazione e la saldatura sono state effettuate nello stabilimento SSAB di Kunshan, in Cina. "Sono stati necessari nuovi approcci alla saldatura, ed è stato bello avere l'opportunità di fare cose mai fatte prima. Ora abbiamo più fiducia e sappiamo dire ai clienti cosa siamo in grado di offrire e cosa si può realizzare con questa tecnologia. È stata un'esperienza fantastica".