180

Container più leggeri e più resistenti massimizzano il carico utile

Nel 2001, ZPUH JK Milosz Kiedrowski, un fabbricante di container con sede nel nord della Polonia, ha avviato una stretta collaborazione con l'azienda svedese ILAB Container AB, aprendosi così l'accesso al mercato scandinavo. Nel 2008, quando iniziò la produzione di container leggeri in acciaio altoresistenziale, l’azienda doveva trovare un nuovo fornitore di acciaio. La scelta ricadde del tutto naturalmente su SSAB.

Gli impianti di produzione di JK si trovano immersi in un gradevole paesaggio nel nord della Polonia. Nei suoi cinque enormi e moderni capannoni, le lamiere da 6 metri di SSAB vengono trasformate in container leggeri attraverso un processo di taglio, piegatura, saldatura, sabbiatura e verniciatura. Essi vengono quindi trasportati oltre il Mar Baltico, in Scandinavia, dove vengono utilizzati principalmente per la raccolta, il trasporto e il riciclaggio dei rifiuti.

I dirigenti di JK hanno capito subito che l'acciaio da utilizzare non poteva che essere di marchio SSAB in virtù della sua qualità superiore e perché la maggioranza dei clienti scandinavi si aspetta container fabbricati con acciaio SSAB.

 

“Le lamiere sono più sottili e meno pesanti. Usiamo quasi il 100% delle lamiere per poter mantenere il prezzo uguale a quello dei container standard”.

 

Le difficoltà iniziali nella collaborazione tra ILAB e JK consistevano nel familiarizzare con il nuovo materiale, imparare a sfruttarne tutti i vantaggi e costruire correttamente i container. Fin dall'inizio, gli specialisti SSAB sono stati disponibili a fornire un eccellente supporto e assistenza a distanza.

Le principali qualità di acciaio che JK acquista da SSAB sono Strenx™ 700 CR, Strenx™ 700 MC, Hardox 400® e Hardox® 450. Per poter gestire le nuove qualità di acciaio, JK ha acquistato macchinari all’avanguardia per il taglio e la piegatura, nonché nuove macchine saldatrici, alcune delle quali semi-automatiche. 

I clienti scandinavi hanno compreso subito i vantaggi dei nuovi container. Sono più leggeri e più resistenti rispetto a quelli di altre marche e hanno una capienza fino a una tonnellata in più per carico. Grazie alla forma più affusolata, garantiscono durante il trasporto un risparmio di carburante di circa il 14%. In questo modo, i vantaggi sono sia economici sia ambientali.

Oggi il 90% di tutti i container fabbricati da JK per il mercato scandinavo è di tipo leggero, in acciaio altoresistenziale SSAB. L'azienda polacca è anche membro dei due programmi clienti SSAB: Hardox® In My Body e My Inner Strenx™.

Per JK, l'idea è sempre stata vendere i nuovi container leggeri allo stesso prezzo di quelli tradizionali, più pesanti. E il risultato è stato positivo: l'acciaio altoresistenziale è leggermente più costoso ma d'altra parte ne occorre meno per fabbricare un container, e inoltre il processo di produzione è semplificato.

Il CEO e titolare Milosz Kiedrowski lavorava nell’azienda da cinque anni quando suo padre, Janusz Kiedrowski, fondatore dell’azienda nel 1988, è venuto improvvisamente a mancare, nel 2016. Dopo la tragedia, ha dovuto assumere immediatamente la leadership della società.

La sua gestione è stata positiva. La produzione ha registrato un aumento da 11.000 container nel 2015 a 15.500 nel 2017, un dato che però non è ancora sufficiente a soddisfare la domanda dei clienti polacchi e stranieri.

 

INFORMAZIONI SU ZPUH JK Milosz Kiedrowski

CEO e titolare: Milosz Kiedrowskii
Sede: Byslaw, Polonia settentrionale
Numero di dipendenti: 580
Fatturato nel 2017: PLN 150 mln (EUR 36 mln)
Prodotti principali: Container di diverse dimensioni. Il 90% di tutti i grandi container è di tipo leggero ed è realizzato in acciaio altoresistenziale prodotto da SSAB.
Principali qualità di acciaio SSAB: Strenx 700 CR, Strenx 700 MC, Hardox 400 e 450 Hardox.


www.jk.com.pl

JK Container più leggeri e più resistenti massimizzano il carico utile

3:28

Nel 2001, ZPUH JK Milosz Kiedrowski, un fabbricante di container con sede nel nord della Polonia, ha avviato una stretta collaborazione con l'azienda svedese ILAB Container AB, aprendosi così l'accesso al mercato scandinavo.